Alimentazione per la colite

 

Colite: cosa mangiare e cosa non mangiare

colite-dieta-alimentazione

 

E' una malattia che colpisce moltissimi italiani e può essere sia di natura fisica che psicologica. Proprio per questo la colite, che in alcuni casi può trasformarsi in ulcerosa, ha bisogno di essere accompagnata da un'alimentazione sana e da una dieta equilibrata, sempre sotto consiglio di un medico esperto del settore.

 

 

Cosa si può mangiare

E allora vediamo tutto quello che deve necessariamente rientrare nella dieta di chi soffre di colite. Partiamo dalla carne: assolutamente consigliata la carne bianca come pollo e coniglio, ma anche carne rossa magra come vitello, manzo, agnello e suino senza pelle. Al tempo stesso molto bene il pesce come sogliola, platessa, nasello, orata e branzino, meglio se alla griglia oppure lessi. Vanno benissimo tutti gli ortaggi, se cotti al vapore oppure passati: ideali sono cavoli, zucchine, pomodori, carote, rape, fagiolini. Quanto alla frutta sono indicate mele, pere, pesche, mousse di frutta e frutta sciroppata oppure frutta cotta.

Come primo, meglio il riso in bianco, condito possibilmente con olio extravergine di oliva, mentre per accompagnare la carne vanno bene patate al forno o al vapore. Come formaggi indicati sono la ricotta e il tomino freschi, crescenza e parmigiano, mentre è meglio evitare il pane sostituendolo con grissini o crackers. Pasta, pane e riso con moderazione.

 

Cosa non si deve mangiare: I cibi banditi

Assolutamente da evitare per chi soffre di colite le carni salate grasse e affumicate, i salumi grassi crudi ma anche cotti e gli insaccati, cacciagione e selvaggina, salmone affumicato, acciughe, sardine, pesce fritto, capesante e tutti i molluschi così come i frutti di mare. Al tempo stesso out i formaggi stagionati e grassi come gorgonzola, mascarpone, pecorino, taleggio, toma, robiola, fontina stagionata, oltre al latte intero e i suoi derivati.

 

 

Tra le verdure, meglio trascurare sedano, funghi, peperoni,  melanzane, porri, aglio, carciofi, asparagi, zucca, cipolla, barbabietole, ma anche i sottaceti. Oltre a questo anche tutta la frutta secca e oleosa, melone, ciliegie, ribes e frutti di bosco, fichi. Tabù anche tutti i prodotti da forno oltre a thé, caffè, vini e superalcolici, acqua e bevande dolcificate e bevande troppo gassate.