Colite spastica

 

La colite spastica è un disturbo dell'apparato digerente determinato nella maggior parte dei casi da forte stress di tipo psichico e meno frequentemente di tipo fisico. Si tratta della forma di colite più diffusa, ma anche della meno grave, in quanto risulta essere del tutto reversibile e per nulla invalidante. 

 

 

Sintomi della colite spastica

I sintomi tipici della colite spastica sono dolore e gonfiore addominale, disturbi della regolarità intestinale con alternanza tra stitichezza e diarrea, meteorismo e flatulenza, nausea generalizzata, alitosi e cattivo sapore in bocca, spossatezza ed irritabilità, palpitazioni ed intenso senso di bruciore dietro e sotto lo sterno. Riconoscere i sintomi della colite spastica è importante per poter intervenire tempestivamente con un adeguato trattamento.

 

Cause

colite spasticaCome accennato, la colite spastica è quasi sempre originata da una componente psicosomatica. È infatti risaputo che lo stress psichico, la collera repressa, l'ansia e le preoccupazioni possono avere ripercussioni negative sul funzionamento dell'apparato digerente. Talvolta all'origine della colite spastica possono esserci anche altri fattori scatenanti, come un regime alimentare scorretto, l’abuso di determinati alimenti, tra cui formaggi fermentati, carni grasse, dolcificanti, spezie, bevande contenenti caffeina e bibite gassate, obesità e sedentarietà, o cause di tipo organico, come un'intolleranza alimentare trascurata. A seconda delle cause, ci sono una specifica dieta da seguire e determinati rimedi da adottare.

 

 

Dieta consigliata e rimedi

Gli alimenti consigliati per chi soffre di colite spastica sono le mele, i mirtilli, le carote, i cetrioli, le patate, il riso, le carni bianche, i formaggi non fermentati e lo yogurt. Si consiglia, invece, di abolire le carni grasse, il cioccolato, le spezie ed il caffè.
La colite spastica non necessita di ricoveri ospedalieri né di interventi chirurgici. Per alleviare e far scomparire i sintomi è fondamentale imparare a gestire meglio lo stress. Chiedete consiglio al vostro medico curante, che vi indirizzerà verso programmi specifici, come la psicoterapia, il rilassamento guidato e la meditazione.