Colite microscopica

 

colite microscopica
La colite microscopica è una forma di colite che non rientra fra le tradizionali malattie infiammatorie croniche intestinali e tende ad interessare prevalentemente i soggetti di età avanzata. Il massimo dell’incidenza è infatti fra i 60 e i 70 anni di età e prevale nei soggetti di sesso femminile. Nei paesi occidentali una percentuale piuttosto consistente di anziani si rivolge al medico di famiglia per problemi di diarrea cronica. La colite microscopica presenta generalmente un andamento benigno ma è fondamentale che venga diagnosticata in tempi brevi poiché in caso di mancato trattamento può peggiorare la qualità di vita di soggetti anziani spesso già afflitti da patologie parallele.

 

 

Sintomi colite microscopica

I sintomi della colite microscopica includono diarrea acquosa ricorrente anche nelle ore notturne, dolore addominale diffuso, perdita di peso e spossatezza. Il frequente stimolo a defecare porta molto spesso ad episodi di incontinenze. Non è raro che chi è afflitto dalla colite microscopica soffra di patologie concomitanti come diabete, disordini tiroidei o artrite reumatoide. Inoltre, può esserci anche un malassorbimento degli acidi biliari, che può aggravare i sintomi.

 

 

Cause della colite microscopica

Ad oggi, non si conoscono ancora con certezza le cause scatenanti della colite microscopica. L’infiammazione della mucosa colica con un aumento dei Linfociti T nell’epitelio e nella lamina propria della mucosa stessa suggerisce che questa patologia possa essere originata da una risposta immunitaria ad alcuni agenti presenti nel lume colico. Numerose ricerche hanno inoltre evidenziato una relazione tra la colite microscopica e l’uso prolungato di aspirina, antiinfiammatori non steroidei, farmaci inibitori della pompa protonica, nonché sertralina e ticlopidina.

 

Rimedi e dieta anti colite microscopica

La dieta ricopre un ruolo fondamentale nella cura della colite microscopica. È innanzitutto necessario abolire completamente le spezie, l’alcool ed il caffè dalla dieta. Qualora i sintomi non accennino a diminuire, si consiglia l’uso di farmaci sintomatici (sempre sotto rigido controllo medico) come la Loperamide, la Colestiramina ed il Racecadotril. La Budesonide ha inoltre mostrato un’apprezzabile efficacia nell’attenuare i sintomi della colite microscopica e migliorare la qualità della vita, ma non è indicata per i soggetti che soffrono di diabete.